La familiarità con la lettura si crea soprattutto nei primi mesi di vita. Come suggerisce la filastrocca dei «Nati per leggere» di Bruno Tognolini, chiamare per nome ogni cosa, significa fare realtà, mettere al mondo mondi di esistenza:

«Leggimi subito, leggimi forte
Dimmi ogni nome che apre le porte
Chiama ogni cosa, così il mondo viene
Leggimi tutto, leggimi bene
Dimmi la rosa, dammi la rima
Leggimi in prosa, leggimi prima». 

biblioteca
Esporre precocemente i bambini alla lettura può rappresentare una strategia di cura educativa e fornire significative occasioni per lo sviluppo affettivo e cognitivo. Recenti ricerche scientifiche dimostrano come leggere con continuità ad alta voce ai bambini, ancor prima che vadano a scuola, abbia una positiva influenza sia dal punto di vista relazionale (è una opportunità di relazione tra il bambino e le figure significative che, tra le altre funzioni, hanno anche quella di «presentare» il mondo al bambino), sia cognitivo (si sviluppano più precocemente la comprensione del linguaggio, la capacità di lettura, le capacità organizzative ed espressive del pensiero).

La scuola Santo Stefano propone ai genitori delle letture, i bambini secondo un calendario riceveranno a casa i testi che saranno letti assieme ai genitori, questo per favorire il percorso educativo della lettura precoce.

Senza titolo

 

GLI SPAZI

Ingresso
Aule
Palestra
Dormitorio
Cortile
Mensa

Share